BARBARA: FIGLIA DI UNA PAZIENTE ATT

 


“Cari Amici,
vi scrivo soltanto adesso, in questa ventosa giornata di novembre, dopo circa quattro mesi dalla scomparsa della mia cara mamma.

Sono Barbara figlia di Fabiola deceduta, in seguito ad un tumore secondario al fegato, il 26 luglio 2020.

Voi tutti siete entrati nella nostra vita e nel nostro dolore a fine maggio e ci avete accompagnato in questo duro percorso con sincerità, pazienza, professionalità, dolcezza aiutandoci a prendere consapevolezza della gravità della situazione ma sempre con tenerezza e amore. Siete entrati nella nostra intimità senza prevaricare, lasciandoci i giusti margini per capire, affrontare, comprendere.
Grazie a voi tutti, senza il vostro aiuto sarebbe stato impossibile assistere mamma nell’ultimo tragitto della sua vita.Vi ricordo uno ad uno. L’amorevolezza della dottoressa Fusilli, la spensieratezza di Piera, la sorridente Stefania, la dolcezza di Martina, la delicatezza di Letizia, la gentilezza del Dottor Ravoni a cui dedico un pensiero speciale; è stato lui che la sera del 26 luglio mi ha accompagnato, telefonicamente, a comprendere che ormai eravamo giunti alla fine.

Non vi siete risparmiati per aiutare e donare conforto a chi soffriva; un enorme carico emotivo ma la vita vi restituirà tutto questo amore. Quello che la nostra famiglia ha ricevuto non è stato un caso perché quasi contemporaneamente abbiamo avuto necessità ancora di voi per mia zia, sorella di mia madre, e vi siete operati con la stessa dedizione e lo stesso bene.

Voglio salutarvi con una frase che la mia mamma mi ha ripetuto fino alla fine: “Barbara, ricordati sempre dell’ATTed io cercherò di farlo.
Con gratitudine ed infinito affetto!
Barbara”

 

 

About the author: