Le mele della salute: quando prevenzione e gusto vanno a braccetto

Le mele, protagoniste di numerose leggende e miti dell’antichità, sono ancora oggi uno dei frutti più graditi, conosciuti e consumati; con la loro polpa croccante e succosa, sono molto versatili, vengono ampiamente utilizzate in svariate preparazioni culinarie e sono ideali da consumare sia crude che cotte. Questo frutto ha ottime caratteristiche nutrizionali, è facilmente digeribile ed essendo ricco in pectina – una fibra solubile – contribuisce ad equilibrare la flora batterica ed a regolarizzare la funzionalità intestinale, a rallentare l’assorbimento degli zuccheri – portando quindi ad un miglioramento nel controllo glicemico – così come anche a moderare l’assimilazione dei grassi e del colesterolo. È sempre il contenuto di pectina, con la propria azione gelificante ed addensante, che giustifica l’impiego delle mele nella produzione di marmellate e conserve.
Sarebbe una buona abitudine consumare il frutto con la buccia – sempre dopo un lavaggio accurato sotto acqua corrente – in quanto una grande percentuale della fibra e dei composti bioattivi è contenuta proprio in questa parte.
Le qualità delle mele però non finiscono qui, queste infatti posseggono anche proprietà antiossidanti ed anti-infiammatorie, grazie al contenuto di vitamine (particolarmente vit. C, ma anche vit. A, E, K e B1) e di polifenoli che contribuiscono non solo alle caratteristiche organolettiche del frutto, ma anche ai suoi innumerevoli benefici per la salute.
La mela inoltre è anche un’ottima fonte di sali minerali e, nella versione cotta, acquisisce proprietà lassative, proponendosi quindi come un ottimo rimedio contro la stitichezza.
Possiamo dunque concludere che alimenti ricchi di proprietà benefiche come il frutto di cui abbiamo appena parlato, se parte di un’alimentazione adeguata ed equilibrata, possono avere un ruolo davvero molto importante nel miglioramento e nel mantenimento di una buona qualità di vita.

 

Elena Gavazzi

Nutrizionista

FONTI:
 SINU, Società Italiana di Nutrizione Umana. LARN – Livelli di assunzione di Riferimento di Nutrienti ed energia per la popolazione italiana. IV revisione. Coordinamento editoriale SINU-INRAN.Milano: SICS,2014.
 Arcari Morini D, D’Eugenio A, Aufiero F. Il potere farmacologico degli alimenti: bioterapia nutrizionale. Milano Red ed.

About the author: daniel chr